Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

La D.G.R. (Deliberazione della Giunta Regionale del Piemonte) n.4-9730 del 6 ottobre 2008 prevede "la creazione di uno sportello con compiti di sorveglianza e osservatorio sui fenomeni di interesse nel settore degli animali di affezione".

Lo Sportello è aperto presso il Servizio Veterinario del Dipartimento di Prevenzione dell'ASL BI a Biella

Indirizzo via don Sturzo, 20 (Piano Terra, da lunedì 24 ottobre 2016; entrata passando sotto la tettoia che conduce alla porta d'ingresso frontale)
Orari dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 12.45; il mercoledì anche dalle 14.00 alle 15.00
Telefono 01515159287 e/o 01515159288
Fax 01515159205
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Temi

Lo sportello ha competenze e fornisce informazioni al pubblico su questi argomenti:

Anagrafe Animali d'Affezione nazionale

Anagrafe Animali d'Affezione Regione Piemonte

La Legge Regionale 19 luglio 2004, n.18 “Identificazione elettronica degli animali d’affezione e banca dati informatizzata” è entrata in vigore il 6 agosto 2004.

Dopo un periodo transitorio di 90 giorni nel quale i cani potevano essere tatuati, a partire dal 5 novembre 2004 essi devono essere identificati con il microchip.
L’identificazione è eseguita dal Servizio Veterinario di Sanità Animale dell’ASL e da Medici Veterinari Liberi Professionisti.

I cani devono essere identificati entro 60 giorni dalla nascita e comunque prima di essere ceduti ad altri Proprietari o Detentori da parte dell’Allevatore.

Obblighi del Proprietario o Detentore

  • Chiunque intenda detenere un cane deve assicurarsi che sia identificato.
  • La cessione, la vendita o la morte dei cani deve essere segnalata al Servizio Veterinario dell’ASL entro 15 giorni.
  • Il Proprietario o Detentore di un cane deve segnalare e fare denuncia dell’eventuale smarrimento alla Polizia Municipale entro 3 giorni.
  • Innovazione importante: prima chi acquisiva un cane doveva farlo identificare, ora deve acquisirlo già identificato tramite microchip.

La vigilanza sull’applicazione della Legge dovrà essere attuata principalmente dai Comuni.
Le sanzioni, per chi non ottemperi al dettato della nuova normativa nei tempi stabiliti, vanno da un minimo di  38 euro ad un massimo di  232 euro.

Per ulteriori informazioni, consultare la seguente Nota informativa (con la possibilità di scaricarla).

Il passaporto per cani, gatti e furetti che si spostano all’interno della Comunità Europea per fini non commerciali, in vigore dal 1° ottobre 2004, viene rilasciato dal Servizio Veterinario dell’ASL.

Per lo spostamento all’interno della Comunità Europea non è più prevista la visita sanitaria dell’animale, ma è necessario il passaporto.

Gli animali devono essere vaccinati nei confronti della Rabbia.

Per ulteriori informazioni, consultare la seguente Nota informativa (con la possibilità di scaricarla).

L'Igiene Urbana Veterinaria intende favorire il corretto rapporto fra animali - Uomo - ambiente.

La Regione Piemonte promuove la tutela e la presenza nel proprio Territorio degli animali quale elemento fondamentale ed indispensabile dell’ambiente e riconosce alle specie animali il diritto ad una esistenza compatibile con le proprie caratteristiche biologiche ed etiche.

La Regione individua nella tutela degli animali uno strumento finalizzato al rispetto ed alla tolleranza verso tutti gli esseri viventi.

Il Proprietario di un cane è sempre responsabile del benessere, del controllo e della conduzione dell’animale e risponde, sia civilmente che penalmente, dei danni o lesioni a persone, animali e cose provocati dall’animale stesso.

È disponibile il pieghevole della Campagna "amare con cura - animali uomo ambiente", realizzata dal Servizio Veterinario del Dipartimento di Prevenzione dell'ASL BI, in collaborazione con il Consorzio dei Comuni della Zona Biellese.

 
 
 
 
 
 

Normativa

Anagrafe Animali d'Affezione

  • Deliberazione della Giunta Regionale 07-04-2014 n. 32-7387 "Recepimento dell'Accordo Rep. n. 5/CU del 24-01-2013 in materia di identificazione e registrazione degli animali da affezione"
  • Linee Guida procedure per la movimentazione fra Regioni e registrazione Anagrafe Animali d'Affezione
  • Legge Regionale n.18 del 19-07-2004
  • Legge Regionale n.9 del 4-07-2005
  • Deliberazione della Giunta Regionale 02-11-2004 n. 29-13812 "L.R. 18 del 19-07-2004. Tariffe regionali per il rimborso delle spese per l’identificazione elettronica dei cani".

 

Passaporto

  • Regolamento (UE) n. 576/2013 del 12-06-2013 sui movimenti a carattere non commerciale di animali da compagnia e che abroga il regolamento (CE) n. 998/2003
  • Regolamento di esecuzione (UE) n. 577/2013 del 28-06-2013 di determinate condizioni di cui al regolamento (UE) n. 576/2013
  • Regolamento delegato (UE) n. 1152/2011 del 14-07-2011 Misure sanitarie preventive necessarie alla lotta contro l'infezione dei cani da Echinococcus multilocularis

 

Igiene Urbana Veterinaria

  • Ordinanza del 13-06-2016 "Norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati"
  • Ordinanza del 03-08-2015 "Proroga, con modifica, dell'ordinanza contingibile e urgente 6 agosto 2013 concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani"
  • Comunicato riguardante la Legge 4 novembre 2010 n. 201 di "Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, fatta a Strasburgo il 13 novembre 1987"
  • Caudotomia: Nota del Ministro della Salute On. Ferruccio Fazio, 21-03-2011 "Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia conclusa a Strasburgo 13 novembre 1987 e ratificata con Legge 4 novembre 2010, n. 201 concernente "Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, fatta a Strasburgo il 13 novembre 1987, nonché norme di adeguamento dell'ordinamento interno". Indicazioni tecniche sul trattamento di cani impiegati in talune attività"
  • Legge 4 novembre 2010 n. 201 "Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, fatta a Strasburgo il 13 novembre 1987, nonché norme di adeguamento dell'ordinamento interno. (10G0220)"
  • Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia. Approvata a Strasburgo il 13 novembre 1987
  • Legge Regionale 4 novembre 2009 n. 27 “Disciplina del rapporto persone cani per la prevenzione della salute pubblica e del benessere animale”
  • Decreto 26-11-2009 “Percorsi formativi per i proprietari di cani”
  • Deliberazione della Giunta Regionale 28-09-2009 n. 26-12217 “Costituzione della banca dati interattiva regionale per la prevenzione delle aggressioni da parte di animali domestici”
  • Legge Regionale 26-07-1993 n. 34 “Tutela e controllo degli animali da affezione”
  • D.P.G.R. n.4359 dell'11-11-1993 “Regolamento recante criteri per l’attuazione della legge regionale “Tutela e controllo degli animali da affezione”
  • Legge 14-08-1991 n.281 “Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo”
  • Legge 20-07-2004 n. 189 “Disposizioni concernenti i divieto di maltrattamento degli animali nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate”.

 

Modulistica

 

Rapporti e relazioni

 

Contatti

I Cittadini possono rivolgersi, di persona, allo Sportello per chiedere informazioni e/o chiarimenti sugli animali da affezione o compagnia, oppure scrivere un'e-mail all'indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La risposta formulata da un esperto Medico Veterinario dell'ASL BI, verrà prontamente trasmessa al Richiedente.

È inoltre attiva una chatbot (al momento in fase sperimentale) alla quale rivolgere i suoi quesiti.
Cliccare qui, non considerare il preambolo della risponditrice e dopo una decina di secondi, scrivere il quesito.

È bene ricordare che questa Sezione di contatto del Portale Internet dell'Azienda Sanitaria Locale di Biella va esclusivamente utilizzata per le domande riferite all'Igiene Urbana Veterinaria e precisamente relative ai punti sopracitati.

 

Condividi